La vita è un viaggio straordinario, che non sempre godiamo appieno, perché non riusciamo a guardare la nostra quotidianità sotto angolazioni nuove. E’ tuttavia possibile.

Proprio come un viaggiatore che torna a casa dopo un’avventura lontana, con una nuova visione del mondo, possiamo imparare a guardare con occhi nuovi la nostra quotidianità.

Per farlo, lo sguardo va continuamente allenato, anche e, soprattutto, a 60 anni.

In questo articolo, ti mostro come puoi apprezzare la vita di tutti i giorni, e come puoi farlo anche senza allontanarti da casa. Non sto dicendo nulla di nuovo in fondo, Marcel Proust ci offriva su questo concetto una interessante chiave di lettura:

“Un vero viaggio di scoperta non è cercare nuove terre ma avere nuovi occhi” – Marcel Proust

Uun viaggio autentico non richiede necessariamente di attraversare confini geografici.

Invece, consiste nell’aprire la mente e il cuore alla meraviglia, ovunque essa possa trovarsi.

Quindi, preparati a intraprendere un viaggio di scoperta nella tua quotidianità con me!

Quotidianità e routine a 60 anni

Un recente studio della Stanford University ha dimostrato che invecchiando diventiamo emotivamente più stabili, meno stressati e tolleriamo la tristezza meglio dei giovani. Tuttavia, la voglia di amicizia, di amore e di scoperta persistono. Per questo gli anni over 60 non vanno considerati un’età triste, ma un periodo di libertà per dedicarci a noi stessi, a chi amiamo e fare nuove esperienze.

A questa età, la pensione o il cambiamento di stile di vita, offrono una maggiore flessibilità nella gestione del tempo, ma possono anche portare alla trappola dell’appiattimento a causa della mancanza di stimoli che vengono da quella vita iperattiva a cui la società moderna ci ha abituato.

L’arte sta nel trovare un equilibrio tra la comodità di una vita con tempi più rilassati e la stimolante novità della scoperta, per godersi la vita e il tempo in modo diverso da tutti gli anni già vissuti spesso troppo di corsa.

Se hai smesso di lavorare, o sei in pensione, potresti pensare che la quotidianità per te ora consista in attività familiari, routinarie come cucinare, fare la spesa, o dedicare tempo ai nipoti, o anche guardare i cantieri.

In realtà c’è molto di più, e non devi per forza sentirti ingabbiatə in questo!

Tutto sta nel sapere cercare attivamente nuove esperienze, sfidando il comfort della consuetudine, accogliendo la novità e con la predisposizione a provare qualcosa di diverso o che non abbiamo mai fatto e, se quello che abbiamo provato ci piace, inserendo nuove azioni e nuova linfa nella vita che viviamo ogni giorno.

Come avere occhi nuovi a 60 anni: consigli pratici

Quando ho partecipato alla mia prima Street Wisdom (a Londra nel 2016), non sapevo fin dove mi avrebbe portato.

Sono, però, una persona curiosa che ama provare nuove esperienze e sapevo che volevo trovare un modo per riorganizzare in modo creativo alcuni pezzi della mia vita, che per come si erano strutturati negli anni, non mi stimolavano più. Ti racconto cosa è la Street Wisdom tra poco.

Prima però ci tenevo a spiegarti che avere occhi nuovi e brillanti, non richiede necessariamente una spostamento fisico geografico o un cambiamento radicale nella vita.

Puoi iniziare da piccoli passi come sperimentare cose nuove che non hai fatto prima, come nuova attività fisica, un corso di cucina o bricolage, una lezione di arte o un corso di lingua o di qualsiasi cosa ti appassioni. Queste esperienze possono tutte stimolare la tua vitalità.

Ti invito anche a riscoprire il territorio in cui vivi e a condividere queste esperienze con altre persone: io nell’ultimo periodo ho scoperto tantissimi nuovi posti poco lontano da dove vivo e ci sono davvero delle gemme nascoste a pochi chilometri da dove viviamo!

Potresti iniziare a tenere un diario dove segnare ogni giorno le attività, le persone e le situazioni che ti piacciono e ti divertono. In questo modo ti troverai ad avere un raccoglitore di ispirazioni da usare nelle giornate che ti sembrano più monotone e vuote.

Guardare con occhi nuovi: Cosa è lo Street Wisdom

Ti ho appena mostrato con esempi pratici come puoi creare una nuova routine con piccoli passi quotidiani.

A proposito di piccoli passi, ti voglio parlare di una pratica chiamata “Street Wisdom” o “Saggezza della strada” in italiano. Street Wisdom è un approccio innovativo che insegna a trovare ispirazione, nuove soluzioni e saggezza nelle strade e nei luoghi dove passi ogni giorno.

Viviamo in una società sempre attiva.

Siamo sempre contattabili, sempre connessi, viviamo sempre di più attraverso gli schermi di uno dei numerosi dispositivi elettronici da cui ci circondiamo, viviamo in un mondo iperstimolante, distraente e, soprattutto troppo veloce per i nostri sensi e i nostri neuroni.

Una situazione che diventa insostenibile per ogni essere umano e, come diceva una pubblicità degli anni 60, ti porta a dire: “Fermate il mondo! Voglio scendere!”

Hai mai notato che le idee migliori spesso arrivano mentre siamo fuori a passeggiare, a cucinare o sotto la doccia?

Questo perché durante questi periodi di “inattività” una parte diversa del cervello entra in funzione e si attiva costruendo nuove connessioni e idee quindi vale sicuramente la pena concedersi tempo per entrare in modalità “fuori servizio”.

Ritrovarsi in Natura

Uno dei rimedi più efficaci, rapidi e naturali per vivere una vita felice e a misura d’uomo è passare 5 ore (anche non consecutive) in un mese in un ambiente naturale, una delle difficoltà più sperimentate è la convinzione che se vuoi connetterti con la natura, devi per forza trovarti lontano da un centro urbano in mezzo al niente.

Per fortuna uno studio finlandese, pubblicato su Journal of Environmental Psychology, ha, da una parte, confermato che più natura c’è, meglio ci sentiamo, ma ha anche trovato che bastano dai 15 ai 45 minuti in un giardino o un parco urbano con marciapiedi e folla e un po’ di rumori della strada per migliorare umore, vitalità e sensazione di recuperare le forze e il benessere mentale.

Ritrovarsi anche nelle vie della tua città

Un altro modo efficace che puoi usare a costo zero per riconnetterti con la tua natura umana e la tua creatività è fare la scelta consapevole di fermarti, notare e osservare intorno a te con una curiosità aperta, qualunque angolo della tua città … Puoi scoprire e immergerti nella magia e nella ricchezza del mondo.

Ed è proprio da questo che David Pearl ha ideato Street Wisdom. Un metodo semplice e facile per introdurre momenti di vita rallentata e consapevole che è diffuso in molti Paesi dei cinque continenti e viene celebrato con l’evento internazionale World Wide Wander.

World Wide Wander a Milano il 29 settembre: cosa è e come funziona

Street Wisdom è un evento che si svolge in città. È una passeggiata dove un gruppo di persone aiutate da un facilitatore fanno un’esperienza in cui imparano a vedere la città con occhi nuovi allenando la sincronicità, ovvero la capacità trovare risposte fresche e originali nelle cose che vedono, sentono o, semplicemente, capitano senza scervellarsi e divertendosi.  

In qualità di facilitatrice di Street Wisdom dal 2016, ho organizzato negli anni diversi eventi e partecipato a più iniziative World Wide Wander, giornata in cui in diverse città del mondo da Londra a Città del Capo a New York si tiene un evento Street Wisdom.

A Milano quest’anno il World Wide Wander sarà il 29 settembre, dalle 13.30 alle ore 16 in piazza Pio XI (MM Duomo) con il supporto della community di Cocooners.

Se non hai mai fatto questa esperienza, questa è l’occasione giusta per provare Street Wisdom, guardare Milano con occhi nuovi, e tramite la semplice pratica di camminare e rallentare, connetterti con la tua città e aprire le porte alla tua creatività.

Non sono richieste esperienze precedenti, solo una mente aperta e curiosa e una domanda a cui vuoi trovare una risposta. Assicurati di indossare abbigliamento comodo e scarpe comode per fare alcuni passi in relax.

Tutte le info su come partecipare cliccando qui.

Perché potresti aver bisogno di un Coach

Quando cerchiamo risposte per migliorare, cambiare o trasformare nostra vita, possiamo prendere un libro di autoaiuto, cercare online o chiedere a un amico. Probabilmente non pensi a cercare risposte con un coach.

Forse non sai nemmeno che ci sono figure come la mia che aiutano le persone che vivono una fase di transizione personale e professionale.

Se sei in un periodo della tua vita per cui ti senti smarritə riguardo al tuo ruolo e al tuo scopo, un coach come me può aiutarti a superare questa fase per lavorare con te su diversi livelli: riscoperta dell’identità, sostegno nella transizione al pensionamento, sviluppare nuove competenze, migliorare la relazione e la comunicazione con familiari e amici, stabilire obiettivi a breve e lungo termine, e in generale alla soddisfazione e realizzazione personale per over 60.

Ci sono passata io se stessa e so cosa si prova.

Ti potrebbe interessare leggere: Cambiare vita dopo i 50 anni: si può fare

Lascia un commento

Hai bisogno di aiuto?