Sono nata il 29 settembre e ottobre è sempre stato il mio vero nuovo inizio dell’anno. Questo è Il mio secondo ottobre da life coach e ho la testa piena di idee nuove per le donne “che hanno già dato”. Idee che si stanno concretizzando come fogli scritti fitti, post-it colorati, una newsletter in partenza il 9 novembre (iscrivetevi nella colonna a fianco) date sul calendario per workshop e ancora cammini e contatti con professioniste per creare nuovi servizi di coaching e crescita in contesti sempre più creativi e stimolanti.

Guadare il fiume

È successo anche questa estate: il Cammino ha portato consiglio. Molti consigli e tanta voglia di realizzarli con costanza e perseveranza per rendere sempre più definitiva la mio essere una life coach. Nel mio ultimo anno di vita e di professione ho guadato il fiume e sono passata sulla riva dove mi attendevano le mie passioni e le mie gratificazioni.

È così che ho attraversato il mio ultimo anno ed ora sono sul terreno asciutto su una strada ben tracciata anche se non sempre asfaltata. (Il video l’ho girato durante il mio wild safari in Botswana dell’estate 2017)

Guadi e coaching

Per guadare un fiume con la jeep bisogna valutare e testare il punto di attraversamento e determinare la traiettoria. È necessario quindi scendere dalla jeep e verificare la profondità camminando a piedi nudi in mezzo all’acqua. Una volta stabilito il punto di attraversamento ci si prepara: si  sgonfiano un poco gli pneumatici per migliorare l’adesione al terreno, si blocca il differenziale delle ruote e si parte adagio, ma decisi, in seconda con velocità costante e regolare (non decelerare mai) assecondando la corrente per evitare di essere travolti.

È importante tenere la direzione e sentire sempre l’aderenza al terreno. Se non si è sicuri non sio entra in acqua, ma ci si ferma prima di partire per vedere come affrontano il guado di altri guidatori di fuoristrada e ascoltare sempre il parere della persone più esperte.

Non ti viene in mente niente?

Il guado di un fiume è una bella metafora di quello che puoi vivere durante un percorso di cambiamento fatto con l’aiuto di un coach. Nel coaching identifichi un obiettivo e, dopo aver analizzato gli ostacoli e il territorio, stabilisci il percorso. A questo punto ti connetti con le tue risorse e parti decisa a velocità costante evitando di prendere di petto le situazioni in cui ti trovi per sfruttarle a tuo vantaggio. Quando sei arrivata alla sponda opposta festeggi felice.

Vuoi guadare con me?

Se la risposta è si, contattami e/o iscriviti alla mia newsletter.

Se non te la senti ancora, iscriviti alla mia newsletter mensile per ricevere spunti ed idee che ti faranno capire che c’è un punto in cui l’acqua non è poi così profonda.

Pubblicato il

Lascia un commento

Hai bisogno di aiuto?